Natura in movimento 2014 | Eventi | La Venaria Reale

Natura in movimento 2014

Domenica 22 giugno dalle ore 15 e domenica 21 settembre dalle ore 15.30

III rassegna di teatro e danza contemporanea

La rassegna rientra nelle Giornate da Re.

Figura Seduta e dice…

Ore 15 - Corte d’onore

Figura Seduta e dice” è un’azione performativa ispirata alla lettura di un saggio di un noto critico italiano, che discute a proposito di “non danza” e “nostalgia del bello”. La performance è parte di una ricerca aperta sul tema dell’osceno, “La Bagarre in progress”, che pone al centro l’attività dell’osservazione e la negoziazione di uno sguardo privilegiato fra pubblico, performer e critica. La danza è, la danza non è. Il campo di battaglia è la “quarta parete”, Il sottile limite tra essere e rappresentare. Tra scena ed osceno. Osceno è il luogo a cui lo sguardo non è abituato, ob-scaenum / fuori scena, uno spazio metafisico fuori dall’abitudine. OSCENO è anche un richiamo alla gioia, oltre la miseria delle convenzioni. È la felicità dell'eccesso, contro la tirannia della legge morale. In tante direzioni, “Figura Seduta e dice” è una ricerca di consapevolezza, attenzione, libertà.

Dice: “Vale Tutto, vale non sapere, non dire, o dire troppo. Vale anche se stai fuori. Vale Sempre. Finché decidiamo che Vale, per me vale. Tanto Vale, tanto. “

I lavori di Erika Di Crescenzo sono un’esplorazione dell’umana condizione. Questi rappresentano una complessa analisi di un non-luogo poetico tra impulsi alla disgregazione, evasioni ed eccessi, depositi pacifici: la figura è simultaneamente immobile e dinamica, contemporanea e antica, laida ed elegante. E parla. Il linguaggio e le tecniche di riferimento sono quelle legate alla performance: un gioco di sponda tra mente e corpo che si muove oltre la grammatica del noto e che aspira a riconfigurare mondi paralleli addormentati alla quotidianità.

Di e con Erika Di Crescenzo
Musiche Fryderyck Chopin / Moderat
Produzione Cie La Bagarre / StalkerTeatro / Centro Daiva Jyoti

Durata: 20 min

Non(leg)azioni

Ore 15.30 - Giardino a Fiori

Indagare lo spazio con il corpo attraverso la sua creatività . Attraverso l'improvvisazione si va sempre a sondare luoghi del corpo e della mente che a volte accantoniamo, ma in quel momento riaffiorano immagini e situazioni cariche di un potenziale poetico che permette generosità e catarsi. La Figura si isola nello spazio e si ritrova in una altra disponibilità ad essere. L'improvvisazione tira fuori quello che a livello di emozioni e sensazioni è reale, e dunque, necessario all'atto scenico e alla creazione. Dare vita al momento , all'istante, percepirlo, afferrarlo e seguirlo, scegliere di farlo attraverso l’ irrazionalità di un corpo che racconta un passaggio. E’ dunque necessario riconoscere l'urgenza dell'attimo che sta per nascere e al tempo stesso per finire. E’ molto importante una totale apertura, una totale consapevolezza e una disponibilità alla ricezione verso ciò che accade dentro e fuori. Lo spazio ha un ruolo importante in entrambi i casi. Riconoscere la vera natura, il primo gesto che diventa movimento, la radice di ogni azione che si sta per svolgere, senza perdere la libertà e la creatività.

Non(leg)azioni è un progetto di atti improvvisativi in diversi luoghi e diverse situazioni, dove il corpo si organizza nella sua architettura e in quella dello spazio per trovare nuove forme e direzioni senza alcun intento al racconto. Unico fine è quello di aprirsi una via al possibile sconosciuto, assecondando ogni inclinazione per una giustezza della Figura Corporea.

Coreografia e danza: Daniele Ninarello
Musiche: Sharon Isbin Liut Suites J.S.Bach
Coproduzione Mosaico Danza/Festival Interplay
In collaborazione con Associazione Artemovimento/Festival Insoliti. Creazione selezionata per CDC- Les Hivernales Avignon 2011 - 100% Danse “Quand les régions s’en mêlent…”, progetto sostenuto dalla Regione Piemonte

Durata: 20 min

Mapping #2
Giardini della Reggia

Ore 16 - Boschetto della musica

Mapping è la mappatura di un luogo attraverso la ricerca di modi e strumenti di misurazione dello spazio a partire dal corpo come unità di misura ed entità percettiva.
Pensando i nostri corpi, in luogo di rappresentazione, come parte dello spazio e spazi a loro volta dove il corpo stesso è trattato come materiale, giocando sulle variazioni di densità e massa.
Per far risuonare il luogo scelto in termini di ritmo attraverso la messa in evidenza di traiettorie e relazioni di peso.

Il progetto MAPPING ha vinto il bando Motori di Ricerca percorsi d’artisti fra coreografia e arti visive - curato da Chiara Castellazzi - con prima presentazione pubblica nell’ambito della stagione di Danza della Lavanderia a Vapore di Collegno lo scorso Aprile 2014.

Un progetto della Lavanderia a Vapore di Collegno Centro di Eccellenza per la Danza, realizzato con il supporto di Piemonte Live.
Si ringrazia Luft casa creativa, Studio Yoga, Yetart Vidoemakers, Agostino Nardella.

Compagnia Sara Marasso | IL CANTIERE
Concept e creazione coreografica Sara Marasso
in co-creazione con:
Giulia Gallo, materiali visivi
Stefano Risso, materiali sonori musica residua
Maura Dessì, Sara Marasso, Teresa Noronha Feio, danza

Durata: 20 min

Niji, una preghiera

Ore 16.30 - Giardino delle Sculture Fluide di Giuseppe Penone

Niji, in cinese antico, significa tempo. Una preghiera ispirata al tempo e alle sue metamorfosi, tra Oriente e Occidente, tra rito e tradizione. Un connubio di culture: dalle suggestioni della danza butoh e della danza marziale indiana Kalarippayat alla trance rituale dei dervisci rotanti, attraversando i sentieri della tradizione con canti giapponesi, messicani e del sud Italia.

Di Francesca Cinalli
Coreografie e danza Francesca Cinalli Musiche Paolo De Santis Produzione Tecnologia Filosofica
grazie a Doriana Crema e I.A.T.Gong Scuola Biennale di Musica, Danza e Teatro dei Popoli_Genova

Durata: 20 min

Oltre la luna

Ore 17 - Patio dei Giardini

Oltre la luna è una creazione selezionata dalla rete Dance Channels.
Dance Channels promuove lo sviluppo e la crescita di danzatori, compagnie e coreografi in Europa. Facilita la condivisione di nuove tecniche e aiuta gli artisti a migliorare la loro preparazione per la loro pratica artistica.
Il progetto dà luogo all’incontro internazionale attraverso laboratori creativi tra Saragozza (Spagna), Manchester (Regno Unito) e Genova (Italia). Oltre a far parte del festival Urban Moves a Manchester, le creazioni sono state presentate a Trayectos (Saragozza, Spagna, 30 giugno 2012) e a Corpi Urbani (Genova, Italia, 6 settembre 2012).
Il tempo dell'amore. Ecco il pertugio dal quale affronto il tema del passaggio del tempo propostomi dai partner del progetto Dance Channel. Lavoro, tra Saragoza, Manchester e Genova con due giovani danzatori inglesi, Katherine e Connor, che con freschezza danno corpo al vasto tema. Partiamo insieme da un'idea di spazio quasi immateriale: un amore che si trova oltre la luna appunto. Studiamo la pièce negli spazi urbani, collochiamo le nostre immagini in piazze e in parchi. Questa giovane coppia gioca con la ripetizione coreografica gonfiando e sgonfiando un amore in costante divenire.

Di: Marta Bevilacqua/Compagnia Arearea
Con: Katherine Hollinson e Connor Quill
Musiche: Vittorio Vella, Tomat, Fred Buscaglione, Sarasate.
Elementi di scena: Marta Bevilacqua
Produzione: Dance Channels/Compagnia Arearea

Durata: 20 min

Studio su Ofelia
Concerto per Fontana d’Ercole: corpo, vetro, voce ed acqua

Ore 17.30 - Fontana d’Ercole

blucinQue propone, a partire da alcuni lavori precedenti e dal progetto presentato per il network In Situ, uno nuovo studio per la Fontana d’Ercole.

La compagnia attraverso suono e movimento, approfondendo il tema del disequilibrio, e partendo in questo contesto dall’immagine di Ofelia, apre lo spazio, lo vive, lo suona per poi abbandonarlo.
Il lavoro prende vita anche dall’idea di spiazzamento scenografico: il desiderio di muovere l’atto artistico e comunicativo in spazi architettonici e naturali, che riportino, in senso generale e più ampio, all’immagine e ai luoghi di alcune donne Shakesperiane e all’idea di Vertigine su cui oggi la compagnia indaga.

Di Caterina Mochi Sismondi
Musiche e sonorizzazione Davide Tomat
con Elena Cavallo, Giulia Lazzarino, Gessica Cipriano, Isabella Filippini
Produzione blucinQue
in collaborazione con Superbudda e Cirko Vertigo
e con il sostegno di Officine Caos e Piemonte dal Vivo

SI_SI_FO
Studio sull’assurdo

Ore 15.30 - Giardino delle Rose

Liberamente ispirato al libro "Il mito della nostalgia" di Albert Camus.
Secondo Camus la ricerca di una profonda e autentica connessione tra l'essere umano è diventata impossibile a causa dell'assurdo che minaccia l'esistenza umana. Ricerca del rapporto interumano che sempre sfugge, è simile allo sforzo enorme che brama tornare sempre allo stesso punto. Il legame umano sembra essere ignaro della sua assurdità e cercano di superarlo in solidarietà. Ma l'assurdità di certi eventi creati per tagliare il collegamento stesso, come ad esempio la guerra e le diverse visioni del pensiero in generale, minacciano l'umanità nello stesso modo che una divinità malvagia, allo stesso tempo, trasforma gli uomini in schiavi, ribelli, vittime e carnefici.

Progetto, direzione e coreografie di Maura Dessì

Is this desire?

Ore 16.30 - Boschetto della musica

In "Is This Desire?" si assiste alla danza di un corpo che interroga il desiderio; muove con fluidità e abita delicatamente le immagini di ciò che desidera. Il corpo desiderante porta i tratti di una sposa dal volto rivestito di ricami. Lo spettatore è parte integrante di questa danza rituale del desiderio e ne restituisce la poesia, breve frammento che si rivela nell’ordinario.

Progetto: Francesca Cola
Performer: Francesca Cola
Suono: Davide Tomat, Gabriele Ottino
Produzione: Inteatro festival Polverigi, Officine Caos Torino, Volvon, Superbudda.

 

Dove
Giardini della Reggia di Venaria e Corte d'onore
Quando
da Domenica, 22 Giugno 2014 a Domenica, 21 Settembre 2014
Come

Domenica 22 giugno dalle ore 15 e domenica 21 settembre dalle ore 15.30.

Compresa nell’ingresso ai Giardini della Reggia con un aumento di 1 euro.

Condividi

Invia ad un amico
  • Facebook
  • Twitter