Musica a Corte. Ambienti digitali | Eventi | La Venaria Reale

Musica a Corte. Ambienti digitali

Cappella di Sant'Uberto della Reggia di Venaria
Sabato 9, 16 e 23 maggio

A cura del Consorzio di Valorizzazione Culturale La Venaria Reale e di Musica 90, in collaborazione con la Fondazione Via Maestra di Venaria e di Xplosiva

Programma

Sabato 9 Maggio 2009 - Murcof

The Versailles Sessions

Nell'estate del 2007 Fernando Corona ha completato un lavoro su commissione per Les Grandes Eaux Nocturnes, un festival annuale di suoni, luci ed acqua nello splendido scenario di Versailles. Una suite musicale è stata composta per accompagnare l'allestimento della grande fontana nel Jardin du Roi nella serata di inaugurazione. Le Versailles Sessions sono il documento sonoro di questo evento e verranno pubblicate a novembre da Leaf. Le sei composizioni preparate per il progetto derivano interamente dall'utilizzo di registrazioni di strumenti barocchi del XVII secolo (inclusi clavicembalo, viola da gamba, flauto e violino) e di un mezzo soprano arruolati fra gli artisti specializzati in musica barocca a Parigi. «Abbiamo registrato pezzi di Lully, Couperin e altri», dice Corona riguardo le sessions. «Sono stati suonati in modo tradizionale, ma abbiamo anche dato spazio alla sperimentazione; è stata davvero un'esperienza istruttiva e i musicisti sono stati grandi, molto aperti e desiderosi di divertirsi».

Un tale processo di registrazione può sembrare un forte cambiamento per un artista noto soprattutto per essere attivo in ambito elettronico; in realtà si tratta di un'ulteriore evoluzione delle tecniche che Corona ha perfezionato negli anni. «L'opera è stata portata avanti più o meno come nel mio precedente lavoro: anche qui si è trattato infatti di processare del materiale acustico precedentemente registrato. L'unica differenza è la fonte effettiva del materiale, così specifica e relativa al barocco del XVII secolo».

Originario di Tijuana, Messico, ora residente a Barcellona, Corona ha pubblicato quattro acclamati album su Leaf (Martes, 2002, Utopia 2003, Rimembranza, 2005, e Cosmos, 2007) usando la tecnologia per creare musica avvolgente, spirituale e profondamente risonante. La reputazione internazionale di Murcof è ormai altissima, anche grazie a numerose ed inconsuete collaborazioni, tra cui gli eventi presso il Peter Harrison Planetarium di Greenwich, le due esibizioni con l'ensemble Mousique Nouvelles di Jean-Paul Dessy all'interno delle cattedrali di Bourges e Bruxelles, il Montreaux Jazz Festival (in collaborazione con Talvin Singh ed Erik Truffaz), il Geode IMAX a Parigi (con video di Saul Saguatti), la colonna sonora live per Metropolis di Fritz Lang alla Cinematheque di Parigi e il Sonar Festival di Barcellona con il pianista Francesco Tristano. Corona ha anche composto la colonna sonora di tre film (tra cui La Sangre Illuminada) e collaborato con il trombettista Erik Truffaz per un album appena pubblicato su Blue Note.

Sabato 16 Maggio - Christian Fennesz

Di base a Vienna, Christian Fennesz ha un’eccezionale reputazione internazionale, come uno dei più innovativi compositori di musica elettronica, dall'incredibile carica emozionale e straordinaria abilità tecnica. I suoi lavori sono documentati su label quali Touch e Mego: etichette che hanno reinventato il suono digitale degli ultimi 25 anni. 
Alcuni suoi lavori -come Endless Summer, indicato come una delle pietre miliari dell'elettronica moderna, capolavoro indiscusso di una nuova epoca- vedono esplodere il nome di Fennesz a livello planetario. Glitch e chitarre filtrate elettronicamente si incontrano in paesaggi onirici di eccitante bellezza, sonorità liquide ed evocazioni nebbiose in cui l'elettronica diventa filtro per esperienze immaginifiche ed astratte. La sua carriera è un susseguirsi di interventi in tutti i più prestigiosi centri di arte contemporanea e festival di elettronica del mondo. Le sue collaborazioni elencano David Sylvian, Jim O'Rourke Ryuichi Sakamoto, Mika Vainio. Per Ambienti Digitali, Christian Fennesz realizzerà un concerto per chitarra e laptop che “giocherà” con gli echi ed i “ritardi” acustici della Cappella di Sant’Uberto.

Sabato 23 Maggio 2009 - Vladislav Delay

Symptoms

Vladislav Delay (conosciuto anche -a seconda del progetto- con i nomi di Uusitalo, Luomo, Conoco, Sistol) è il finlandese Sasu Ripatti, artista che ha sperimentato le sonorità dell'ambiente e del broken beat, della glitch music così come i grooves e la house dalle melodie più soul, diventando negli ultimi anni uno dei nomi più importanti e amati della musica elettronica internazionale, grazie alle sue tessiture minimali e rigorose, eppure capaci di straordinarie aperture romantiche.
Le sue collaborazioni spaziano dalle Scissor Sisters a Craig Armstrong, da AGF ai Black Dice, passando per i Massive Attack, Towa Tei e Ryuichi Sakamoto. Mentre i suoi side-projects e i remix flirtano costantemente con la scena dancefloor, il grande amore di Delay e la sua stessa natura è rivolta alla sperimentazione, sia timbrica che ritmica, quasi un'urgenza di esplorare territori sonori sempre nuovi.

Al centro della sua concezione musicale c'è il ritmo, anche nelle situazioni in cui sembra più sottinteso: Ripatti nasce come batterista- ruolo che ancora oggi svolge in alcuni interessanti progetti -anche se è attraverso mezzi elettronici che sviluppa i propri suoni, i beats e tutte le possibilità emozionali. Vladislav Delay si mette continuamente in discussione e cerca una propria integrità sonora, mantenendo l'importanza dell'aspetto umano che sta dietro la creazione digitale. Oltre agli spettacolari set, è spesso coinvolto in progetti multimediali come la splendida performance con immagini del film "Ho affittato un killer" di Aki Kaurismaki.

Dove
Cappella di Sant'Uberto
Quando
Da Sabato, 09 Mag 2009 a Sabato, 23 Mag 2009 ogni sabato.
Come

I concerti hanno inizio alle ore 21 e sono compresi nel biglietto d’ingresso alla Reggia (la visita alla Reggia precede il concerto ed è facoltativa)

Informazioni e prenotazioni ingressi:
tel. +39 011 4992333

Condividi

Invia ad un amico
  • Facebook
  • Twitter